VOUCHER 3I – agevolazioni per le STARTUP INNOVATIVE

VOUCHER 3I – agevolazioni per le STARTUP INNOVATIVE

In attuazione del  “Decreto Crescita”, dal 15 giugno 2020, le START-UP INNOVATIVE, per finanziare la valorizzazione e tutela brevettuale dei propri processi di innovazione, potranno presentare domanda per l’ottenimento del VOUCHER 3I.

In estrema sintesi, tale strumento è volto a coprire i costi di consulenza professionale relativi a:

i) verifica della brevettabilità di un’invenzione;

ii) svolgimento di ricerche di anteriorità;

iii) stesura e deposito di una domanda di brevetto in Italia;

iv) estensione all’estero di una domanda di brevetto italiana.

IP SEXTANT sostiene le capacità innovative e competitive delle START-UP ed è al loro fianco con i propri consulenti, iscritti all’Ordine dei Consulenti di Proprietà Industriale e abilitati a fornire i servizi relativi al Voucher 3I.

Per ulteriori informazioni:

Link UIBM

Link Invitalia

 

Valentina Bovo, Alessandro Bruni

Covid-19 – Termini per procedimenti di fronte all’International Bureau del WIPO

Covid-19 - Termini per procedimenti di fronte all'International Bureau del WIPO

Lo scorso 9 aprile, l’International Bureau del WIPO ha rilasciato una dichiarazione che interpreta l’attuale contesto della pandemia globale di COVID-19 come rientrante nella Rule 82quater.1 PCT che stabilisce una giustificazione del ritardo nel rispetto dei termini PCT (riguardanti presentazione di documenti e/o pagamento di tasse) per motivi di forza maggiore. Segnatamente, l’attuale pandemia globale dovrebbe essere considerata una “calamità naturale … o altra ragione simile ”. L’International Bureau del WIPO esorta tutti gli uffici e le autorità PCT ad adottare questa interpretazione.

L’International Bureau del WIPO tratterà favorevolmente qualsiasi richiesta secondo la Rule 82quater PCT formulata citando i problemi relativi alla pandemia COVID-19 e non richiederà prove che dimostrino che il virus ha colpito la località in cui risiede la parte interessata. Ancora una volta, l’International Bureau del WIPO sollecita gli uffici e le autorità PCT a fare altrettanto.

Sebbene questa disposizione non costituirebbe un rimedio efficace in una situazione in cui una domanda internazionale abbia perso effetto perché dichiarata considerata ritirata, ad esempio per non aver pagato le tasse appropriate entro il termine prescritto, l’ufficio ricevente dell’International Bureau del WIPO ha deciso di ritardare l’emissione di tali notifiche fino al 31 maggio 2020.

Inoltre, l’Ufficio internazionale dell’OMPI raccomanda che:

a. per almeno un altro mese (potenzialmente da estendere ulteriormente), tali notifiche dovrebbero essere emesse solo in relazione a scadenze scadute oltre due mesi prima; e

b. gli Uffici riceventi rinuncino all’addebito di delle tasse di ritardato pagamento secondo la Rule 16bis.2 PCT.

Qui la dichiarazione completa

Covid-19 – Sospensione dei termini per procedimenti avanti all’UIBM – Proroga al 15 maggio 2020

Il decreto legislativo del 08.04.2020 n. 23 ha prorogato al 15 maggio il periodo temporale interessato dalla sospensione dei termini in scadenza per procedimenti pendenti avanti all’UIBM.

Segnatamente, per il calcolo di tutti i termini in procedimenti pendenti avanti l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (e concernenti titoli italiani di proprietà industriale), inclusi i termini relativi a procedimenti di opposizione avverso la registrazione di marchi italiani, non si tiene conto del periodo compreso tra il 23 febbraio e il 15 maggio 2020.

Restano esclusi dalla sospensione i termini relativi a procedimenti di ricorso dinanzi alla Commissione di ricorso.

Andrea Scilletta

UPC – Decisione negativa della Corte costituzionale federale tedesca

UPC - Decisione negativa della Corte costituzionale federale tedesca

Con una decisione non unanime, la Corte costituzionale federale tedesca ha dichiarato oggi che l’atto di approvazione dell’accordo su un tribunale unificato dei brevetti è nullo (v. la decisione).

Personalmente, spero che dalle macerie causate da eventi recenti, compresa questa decisione, l’UE possa costruire una migliore integrazione europea, all’interno della quale trovi posto anche un pacchetto più solido e condiviso di misure legislative per un Brevetto Unitario dell’UE e un Tribunale Unificato dei Brevetti UE.

Andrea Scilletta

Covid-19 – Sospensione dei termini per procedimenti avanti all’UIBM – Aggiornamento

Il decreto legislativo del 17.03.2020 n. 18 (c.d. “Cura Italia”) ha ampliato sia il periodo temporale che il tipo di procedimenti interessati dalla sospensione dei termini in scadenza per procedimenti pendenti avanti all’UIBM (già disposta con il precedente decreto del MISE del 11.03.2020).

Segnatamente, per il calcolo di tutti i termini in procedimenti pendenti avanti l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (e concernenti titoli italiani di proprietà industriale), inclusi i termini relativi a procedimenti di opposizione avverso la registrazione di marchi italiani, non si tiene conto del periodo compreso tra il 23 febbraio e il 15 aprile 2020.

Restano esclusi dalla sospensione i termini relativi a procedimenti di ricorso dinanzi alla Commissione di ricorso.

Per quanto riguarda pagamento di annualità e rinnovi, i titoli di proprietà industriale in scadenza tra il 31.01.2020 e il 15.04.2020 conservano la loro validità fino al 15.06.2020. Per prolungare la durata del titolo di proprietà industriale oltre il 15.06.2020, sarà poi necessario ottemperare alle disposizioni dell’ordinamento italiano (e.g. pagare l’annualità dovuta entro il 15.06.2020).

Vedi l’annuncio sul sito dell’UIBM ed il decreto ministeriale.

Andrea Scilletta

Covid-19 – Estensione dei termini in scadenza per procedimenti di fronte all’EPO ed all’EUIPO

Sia l’Ufficio Brevetti Europeo (EPO) che l’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO) hanno esteso i termini per tutte le parti e i loro rappresentanti.
L’EPO ha deciso che i termini che scadono il 15 marzo 2020 o in data successiva siano prorogati per tutte le parti e i loro rappresentanti fino al 17 aprile 2020. Ai sensi dell’art. 150(2) EPC, ciò vale anche per le domande internazionali nell’ambito del PCT. L’estensione potrà essere ulteriormente prorogata dalla pubblicazione di un’altra comunicazione nel caso in cui i problemi dovuti alle misure adottate in Europa per arrestare la diffusione del Covid-19 si estendano oltre il 17 aprile 2020 (v. Notice from the EPO).
L’EUIPO ha deciso che tutti i termini che scadono tra il 9 marzo 2020 e il 30 aprile 2020, che interessano tutte le parti dinanzi all’Ufficio, sono prorogati al 1 ° maggio 2020 (v. Decisione EUIPO).

Sospensione dei termini in scadenza per procedimenti di competenza dell’UIBM

Alla luce delle misure precauzionali prese dal governo italiano per arrestare la diffusione del Covid-19, il decreto del MISE del 11.03.2020 ha sospeso i termini in scadenza per procedimenti di competenza dell’UIBM.

In particolare, ad eccezione dei termini relativi sia a procedimenti di opposizione avverso la registrazione di marchi italiani sia a procedimenti di ricorso, tutti i termini in procedimenti avanti l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (e concernenti titoli italiani di proprietà industriale) in scadenza nel periodo compreso tra il 9 marzo e il 3 aprile 2020 sono sospesi.

Concluso il periodo di sospensione, i termini riprendono a decorrere per la parte residua.

Vedi l’annuncio sul sito dell’UIBM ed il decreto ministeriale.

Andrea Scilletta